StatCounter

domenica 2 dicembre 2018

Una sorprendente ricerca ha documentato il caso di 17 persone con mitocondri provenienti da entrambi i genitori. Si ipotizza che questo fenomeno possa riguardare almeno una persona su 5.000
Cincinnati (U.S.A.) – La prima volta che Taosheng Huang ha visto i risultati del test, era sicuro che ci fosse stato un errore. Anche dopo che un tecnico ha ripetuto l'analisi, non ci credeva. “È impossibile”, diceva. Huang, pediatra e genetista presso il Cincinnati Children's Hospital Medical Center, chiese al paziente di tornare e fornire nuovi campioni di sangue, che poi divise tra diversi laboratori di ricerca per ridurre ogni possibilità di errore. Il ricercatore sapeva che si trattava di una scoperta capace di infrangere un principio fondamentale della genetica umana, ma ogni volta il risultato era lo stesso. Il paziente di Huang, un bambino di quattro anni, aveva due diversi set di DNA mitocondriale: uno da sua madre, come previsto, e un altro da suo padre. Questo era solo l'inizio.
Usando la moderna tecnologia di sequenziamento del DNA, Huang e i suoi colleghi hanno definitivamente verificato il DNA mitocondriale ereditato da parte paterna in 17 individui appartenenti a tre famiglie non correlate. Il lavoro del gruppo statunitense, cinese e taiwanese è stato appena pubblicato sulla rivista PNAS. “Questa è una scoperta davvero rivoluzionaria”, ha affermato Xinnan Wang, un biologo della Stanford University che studia i mitocondri ma che non è coinvolto nella nuova scoperta. “Potrebbe aprire scenari completamente nuovi, e cambiare il modo in cui cerchiamo la causa di alcune malattie”.