StatCounter

martedì 27 novembre 2018

La sindrome da fatica cronica, nota anche come encefalomielite mialgica, è una malattia di recente definizione e difficile da accertare (diagnosticare); il disturbo (sintomo) predominante, e spesso sottovalutato, è una stanchezza continua che, unita ad altri disturbi molto variabili per gravità e intensità, può essere altamente invalidante.
La malattia tende a comparire tra i 20 e i 40 anni di età, ma può colpire anche bambini e adolescenti, ed è più frequente nelle donne.
La fatica può manifestarsi in varie forme. Quella acuta è un meccanismo fisiologico con cui l'organismo di un individuo sano protegge se stesso da vari tipi di stress; è generalmente legata a una singola causa e si risolve con il riposo o con un cambiamento dello stile di vita (dieta, esercizio, riposo, controllo dello stress, ecc).
La fatica cronica, invece, è considerata una malattia che indica un cattivo adattamento ed è tipica di persone con altre malattie croniche quali la sclerosi multipla, l'artrite reumatoide, il lupus eritematoso sistemico, alcuni disturbi psichiatrici, l'ictus e i tumori.