StatCounter

giovedì 29 novembre 2018

 
Melanoma: -45% di casi fra gli uomini nel sud Italia

Nel 2018 si stima che in Italia saranno diagnosticati 13.700 nuovi casi di melanoma particolarmente aggressivo in fase avanzata, con un’incidenza raddoppiata in poco più di dieci anni (erano circa 7.000 nel 2007). E le nuove diagnosi riscontrate nel Mezzogiorno rispetto al Settentrione sono il 45% in meno tra gli uomini e il 42% in meno tra le donne. Uno dei motivi principali di questa netta differenza è da ricercare nei fototipi più elevati (cioè nella maggiore capacità della pelle di reagire all’esposizione solare), molto diffusi al Sud e in grado di svolgere un ruolo protettivo. Oggi sono disponibili armi efficaci per controllare la malattia anche nella fase avanzata, come l’immunoterapia. Un approccio a cui la Fondazione Melanoma dedica il convegno internazionale Immunotherapy Bridge che si apre oggi a Napoli con la partecipazione di più di 200 esperti. “L’immunoterapia, che potenzia il sistema immunitario per combattere il tumore, ha dimostrato di essere un’arma efficace innanzitutto contro il melanoma e ha evidenziato risultati significativi anche in tumori frequenti come quelli del polmone, seno, rene, vescica e colon-retto – spiega il prof. Paolo Ascierto, Presidente della Fondazione Melanoma e Direttore Unità di Oncologia Melanoma, Immunoterapia Oncologica e Terapie Innovative dell’Istituto ‘Pascale’ di Napoli