StatCounter

lunedì 22 ottobre 2018

 
Melanoma: “con l’immuno-oncologia il 54% dei pazienti è vivo a 4 anni“

Monaco, 22 ottobre 2018 – È efficace la combinazione di due molecole immuno-oncologiche, nivolumab e ipilimumab, nel trattamento in prima linea del melanoma metastatico. Il 53% dei pazienti colpiti da questo tumore della pelle è vivo a 4 anni grazie alla combinazione, rispetto al 46% raggiunto dalla monoterapia con nivolumab e al 30% della monoterapia con ipilimumab. Lo dimostrano i dati dello studio di fase III CheckMate -067 su più di 940 pazienti, presentati al Congresso della Società Europea di Oncologia Medica (ESMO) in corso a Monaco. “Si tratta di un dato senza precedenti che rende concreta la possibilità di cronicizzare il melanoma in più della metà dei casi – afferma il prof. Paolo Ascierto, Presidente della Fondazione Melanoma e Direttore Unità di Oncologia Melanoma, Immunoterapia Oncologica e Terapie Innovative dell’Istituto ‘Pascale’ di Napoli -. Sappiamo infatti che, dopo 36 mesi, le percentuali di sopravvivenza si mantengono stabili nel tempo. Lo studio ha anche dimostrato che, a 4 anni dall’inizio della terapia e dopo averla interrotta, i pazienti continuano a rispondere positivamente