StatCounter

domenica 30 settembre 2018

 
Programma di attività per il 2018 del Centro nazionale per la prevenzione e il controllo delle malattie

E' stato approvato il programma 2018 del Centro nazionale per la prevenzione e il controllo delle malattie (CCM), adottato con DM del 24 settembre 2018, attualmente in corso di registrazione presso gli organi di controllo. Il programma 2018, come per gli anni precedenti, è suddiviso in due macroaree operative: area progettuale e area delle azioni centrali.
Nell’ambito dell’area progettuale sono stati identificati tre ambiti di intervento: patologie trasmissibili, patologie non trasmissibili e azioni di sistema, per un totale di otto linee di intervento.
Le linee di intervento rappresentano una priorità di Governo e sono rilevanti per la sanità pubblica oltre a presentare elementi, procedure e azioni la cui evidenza di efficacia fa prevedere un impatto misurabile.

 
Informati sul cancro

Conoscere la malattia e i modi per prevenirla, diagnosticarla e curarla significa ottenere un grosso vantaggio nei suoi confronti. È importante però basarsi su informazioni affidabili e corrette

 Continua a leggere e scarica gli opuscoli sul sito di AIRC
 
la pet therapy nei livelli essenziali di assistenza. Dal Piemonte partirà la proposta al Ministro della salute

È mia intenzione chiedere al ministro della Salute Giulia Grillo di avviare il percorso per inserire la pet therapy nei Livelli essenziali di assistenza. In questo modo le terapie con gli animali diventeranno a carico del Servizio sanitario nazionale. Sottoporrò questa proposta alla Commissione Salute della Conferenza delle Regioni nel corso delle prossime sedute

 
Iniziano le scuole, attenzione ai pidocchi

Dati epidemiologici precisi non se ne hanno, ma di sicuro la pediculosi, ovvero l’infestazione da pidocchi, può contare centinaia di milioni di casi l’anno, visto che i pidocchi sono da sempre strettamente associati all’uomo (se ne sono trovati persino nei capelli di ominidi mummificati) e che non fanno differenza tra Paesi ricchi e poveri, ambienti puliti o meno, igiene personale adeguata o scarsa. Di sicuro prediligono i bambini in età scolare (dai 3 agli 11 anni), specie le femmine (probabilmente per i capelli lunghi), ma poiché si trasmettono quasi esclusivamente per contatto diretto, in poco tempo infestano tutti i membri della famiglia.

HIV, le terapie a disposizione e gli strumenti della prevenzione

Dal  20 giugno 1987 ad oggi il Telefono Verde AIDS e Infezioni Sessualmente Trasmesse (TVA-IST) 800 861 061 – collocato all’interno  dell’ UO RCF del Dipartimento  Malattie Infettive dell’ISS – ha risposto a 2 milioni e 150 mila quesiti posti in 785 mila colloqui di counselling telefonico. E’ un Servizio Nazionale, anonimo e gratuito, attivo dal lunedì al venerdì, dalle 13.00 alle 18.00, che dallo scorso aprile si è arricchito anche di un’altra attività rivolta alle persone sorde, grazie all’indirizzo email dedicato: tvalis@iss.it

IST aggiornati i dati sulla sorveglianza. In aumento il numero dei pazienti 

Aumenta, tra il 2010 e il 2016, il numero delle persone con una diagnosi di Infezione Sessualmente Trasmessa (IST); raddoppiano gli stranieri con una IST nel periodo 1991-2016; in salita anche la percentuale di HIV positivi tra chi ha contratto un’infezione sessualmente trasmessa, tanto che, proprio tra chi ha una diagnosi di IST, la prevalenza di HIV è stata, nel 2016, circa settantacinque volte più alta rispetto a quella stimata nella popolazione generale italiana. Il trend delle infezioni trasmesse per via sessuale è stato tracciato dall’ultimo rapporto redatto dal Centro Operativo AIDS (COA) dell’ISS, sul Notiziario dell’ISS

NEONATI: QUALITÀ CURE A RISCHIO, IL GRIDO D’ALLARME DI FABIO MOSCA, NUOVO PRESIDENTE SIN
 
Neonatologo e Professore Universitario, eletto durante il XXIV Congresso Nazionale, si propone di migliorare l’organizzazione e la qualità delle cure neonatologiche in Italia

Continua a leggere sul sito della SIN

sabato 29 settembre 2018

Il diabete è una malattia ad evoluzione progressiva nel tempo (cronica) che provoca nell'individuo un aumento dei livelli di zucchero (glucosio) nel sangue (glicemia) rispetto ai valori normali. Si definisce diabete gestazionale quando il diabete viene diagnosticato nel secondo o terzo trimestre di gravidanza. Questa condizione può manifestarsi nel 18% delle donne in gravidanza.
Si parla, invece, di diabete pre-gestazionale quando una donna già affetta da diabete è in gravidanza.

Interrogazione parlamentare – Carenza medici
 
Balboni (FdI) Interrogazione carenza medici – Nella interrogazione si rileva che recentemente anche la Federazione medici di medicina generale (Fimmg) e il Sindacato dei medici dirigenti (Anaao) hanno denunciato il rischio, per i prossimi anni, di una drastica carenza di medici, generali e specialisti, per effetto, sia del calo progressivo di laureati in medicina, che per il consistente blocco del turnover; sulla base delle proiezioni effettuate, si stima un calo di 45.000 medici di base nei prossimi 5 anni e di 80.000 nei prossimi 10,
 
Artrite reumatoide: disponibile anche in Italia Xeljanz (R), farmaco in compresse per le forme moderate e gravi

Xeljanz (tofacitinib), capostipite internazionale della classe degli inibitori delle Janus chinasi, oggi è rimborsato in Italia per il trattamento dell'Artrite Reumatoide; già autorizzato in più di 80 Paesi nel mondo e ampiamente impiegato dal 2013 al 2017 per più di 100.000 pazienti nella pratica clinica internazionale.
Terapia orale che offre un rapido miglioramento di segni e sintomi, dolore e disabilità già alla seconda settimana di trattamento, con un'efficacia paragonabile al farmaco biologico sottocutaneo più utilizzato in terapia di combinazione con Metotrexato.
L'Artrite Reumatoide colpisce le donne 3 volte più frequentemente degli uomini, con una prevalenza complessiva in Italia dello 0,48% nella popolazione over 18 equivalente a circa 240.000 casi. Nonostante le numerose terapie disponibili più di un quarto dei pazienti non raggiunge il controllo della patologia; la progressiva distruzione e perdita di funzionalità delle articolazioni comporta deformità articolare, limitazioni funzionali e invalidità.

 
Un elevato consumo di glutine in gravidanza potrebbe raddoppiare il rischio di diabete di tipo 1 nei figli

L’allarme viene da un grande studio osservazionale danese che va naturalmente preso con beneficio di inventario e che dovrà essere confermato da ulteriori studi prima di trarre qualsiasi conclusione. Il rischio di diabete di tipo 1 tra i figli delle donne che, in gravidanza, consumavano oltre 20 grammi di glutine al giorno in questo studio è risultato raddoppiato rispetto ai figli di donne che riferivano un basso consumo di glutine (< 7 grammi al giorno) in gravidanza.

Continua a leggere sul sito di AOGOI
 
La Terapia anticoagulante non è più un problema per i pazienti affetti da Cirrosi epatica 

Le eparine a basso peso molecolare sono sicure durante i cicli di legatura endoscopica delle varici esofagee, una grave complicanza della cirrosi
Le terapie anticoagulanti nella cirrosi non fanno più paura. Uno studio della Struttura Complessa di Gastroenterologia dell'Azienda Ospedaliero - Universitaria di Modena, diretta dalla prof.ssa Erica Villa, ha dimostrato che il rischio di emorragie causato dalla legatura endoscopica delle varici esofagee non aumenta in corso di terapia anticoagulante nei pazienti affetti da cirrosi epatica. La ricerca ha coinvolto 265 pazienti su cui sono state effettuate oltre 500 legature endoscopiche tra il 2009 e il 2016 presso il Servizio di Endoscopia Digestiva della Gastroenterologia del Policlinico
 

venerdì 28 settembre 2018

Cosa significa sequenziare il DNA?

Nel terzo video della serie IZSVe «100 secondi» un’introduzione al sequenziamento del DNA e alla tecnologie di Next Generation Sequencing

Il sequenziamento del DNA è un’attività svolta in ambito sanitario per la diagnosi delle malattie infettive e la definizione di strategie per controllarle. Permette inoltre di smascherare frodi alimentari, cioè capire quando un alimento che dovrebbe corrispondere a una certa specie viene sostituito con una specie simile ma di minor pregio. L’utilizzo del sequenziamento è sempre più strategico in questi ambiti, in particolare da quando si sono affermate le tecnologie di Next Generation Sequencing (NGS).
Ma cosa significa sequenziare il DNA? E cosa sono queste tecnologie “NGS”? Scoprilo in questo breve video della nuova serie 100 secondi, realizzata dal Laboratorio comunicazione della scienza dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie.

 
Linfoma di Hodgkin: nivolumab è disponibile in Italia

L’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) ha approvato la rimborsabilità di nivolumab per il trattamento di pazienti adulti colpiti da linfoma di Hodgkin classico (cHL) recidivante o refrattario dopo trapianto autologo di cellule staminali e trattamento con brentuximab vedotin.1
Nivolumab è il primo farmaco immunoterapico anti PD-1 approvato in Italia per una patologia ematologica e rappresenta un nuovo standard di cura per un importante numero di pazienti pretrattati che, fino ad ora, in caso di fallimento sia del trapianto autologo di cellule staminali sia del successivo trattamento con brentuximab vedotin, non avevano a disposizione alcuna alternativa terapeutica.
I risultati degli studi che hanno valutato nivolumab in monoterapia in questa popolazione di pazienti hanno evidenziato l’efficacia e la sicurezza del farmaco.
“Bristol-Myers Squibb da lungo tempo è impegnata nel trattamento dei tumori ematologici
 
Mogamulizumab (Poteligeo)

L'EMA raccomanda di concedere un'autorizzazione all'immissione in commercio per il farmaco orfano Mogamulizumab
È indicato per il trattamento di pazienti con micosi fungoide o sindrome di Sézary che hanno ricevuto almeno una precedente terapia sistemica

Duvelisib (Copiktra) 

La FDA conferisce l'approvazione regolare a Duvelisib per i pazienti adulti con LLC o SLL recidivante o refrattario
Approvazione accelerata concessa anche per pazienti adulti con linfoma follicolare recidivante o refrattario

Sanità, le riforme nel Def: ecco le anticipazioni
 
Informatizzazione, Lea, vaccini, nomine dirigenza sanitaria e formazione del personale. Sono queste alcune delle voci in ambito sanità su cui pone l’attenzione il Programma nazionale riforme (Pnr), secondo una prima bozza contenuta nella Nota di aggiornamento del Def, i cui contenuti sono stati pubblicati da Public policy.
 
 
Medicina Generale, Giulia Grillo: “Record 2.093 borse grazie al nostro impegno, test fissato al 17 dicembre. Così si aiutano i giovani medici, così si dà futuro alla sanità”

“Posso finalmente dirlo ufficialmente, il nuovo test per l’accesso al corso di formazione in Medicina generale si svolgerà il prossimo 17 dicembre. Ben 2.093 giovani medici avranno la possibilità di completare il proprio percorso formativo, un numero record di posti reso possibile grazie allo sblocco di 840 borse aggiuntive a quelle già previste. Per farlo il ministero della Salute, in accordo con le Regioni, ha materialmente allocato 40 milioni del Fondo sanitario per coprire questi posti aggiuntivi. Sono certa di poter affermare che queste risorse non rappresentino un costo per la sanità pubblica, ma un investimento sul futuro. La formazione post laurea dei medici è rimasta per troppo tempo ingabbiata. Il cosiddetto “imbuto formativo” per i medici specialisti e per i medici di famiglia deve finire. Questo è un primo passo concreto, stiamo finalizzando un provvedimento per dare fiato alle specializzazioni mediche. La sanità pubblica avrà un domani se i giovani saranno sostenuti nella loro volontà di fare i medici e di farlo in Italia. Tutto cambia, se si ha voglia di farlo”.

Giulia Grillo, ministro della Salute
Comunicato n. 70 - Data del comunicato 28 settembre 2018

giovedì 27 settembre 2018

I Numeri del cancro in Italia 2018

Presentata al Ministero della Salute l’ottava edizione del volume sui numeri del cancro, frutto della collaborazione tra oncologi, epidemiologi dell’AIRTUM, Fondazione AIOM e PASSI

Continua a leggere e scarica la pubblicazione dal sito dell' AIOM


 
West Nile Virus 2018

Il virus del Nilo Occidentale (conosciuto con la denominazione inglese di West Nile Virus) è un Arbovirus che solo accidentalmente può infettare l’uomo. L’infezione umana è in oltre l’80% dei casi asintomatica; nel restante 20% dei casi i sintomi sono quelli di una sindrome pseudo-influenzale. Nell’ 0,1% di tutti i casi (comprensivi dei sintomatici ed asintomatici), l’infezione virale può provocare sintomatologia neurologica del tipo meningite, meningo-encefalite.
Le evidenze scientifiche nazionali ed internazionali hanno recentemente dimostrato l’efficacia dei piani di sorveglianza sistematica delle catture di zanzare vettrici e di sorveglianza attiva degli uccelli selvatici nel fornire informazioni precoci sulla circolazione del West Nile Virus.
 
 
 
Text neck: il nuovo rischio per la salute da abuso di tecnologia mobile

Scarica il documento dal sito dell'ISS
 
Peste suina africana, il Ministero della salute presenta le misure di prevenzione e rassicura le associazioni di categoria sulla pronta reazione in caso di crisi

Alla luce della preoccupante progressione della Peste Suina Africana (PSA), il Ministero della salute ha presentato, incontrando le Associazioni di categoria della filiera suinicola, le linee di intervento:
  • campagna informativa per promuovere la consapevolezza degli operatori,
  • piano di incremento della sorveglianza attiva e passiva sui cinghiali selvatici,
  • rafforzamento della biosicurezza nelle aziende suine,
  • controlli rafforzati sulle carni e sui suini vivi provenienti dalle aree a rischio,
  • piani preventivi di diradamento dei cinghiali selvatici
La malattia, letale per suini e cinghiali, ma del tutto innocua per la salute umana, ha fatto registrare, infatti, nei giorni scorsi un allarmante salto verso occidente con tre focolai confermati nei cinghiali selvatici nel sud del Belgio.
L’incontro, convocato per illustrare lo stato dell’arte e le azioni preventive pianificate dalla Direzione generale della sanità animale e dei farmaci veterinari, ha avuto il pregio di rassicurare le categorie sulla prontezza di reazione del sistema Italia, nel malaugurato caso in cui il virus della PSA, per il quale non esiste vaccino, raggiunga l’Italia continentale.
Gli esperti del Centro di Referenza Nazionale per le malattie da Pestivirus e da Asfivirus hanno altresì tracciato un puntuale quadro epidemiologico della malattia, dalla sua scoperta in Angola nel 1921 e sua successiva diffusione attraverso il Caucaso, per arrivare ad oggi con l’infezione diffusa dall’Est Europa all’Estremo Oriente.  
Infine, è stata formulata l’ipotesi che la malattia sia giunta in Belgio dalle aree infette dell’Est Europa veicolata da un mezzo di trasporto che ha diffuso come un vettore passivo il virus ai cinghiali. Di qui la necessità di campagne informative mirate - accolte con favore dai rappresentati delle Associazioni di categoria presenti all’incontro, tutti pronti a collaborare per l’obiettivo comune - che mettano in guardia soprattutto trasportatori, allevatori, agricoltori e cacciatori, ma anche semplici consumatori, da comportamenti a rischio di veicolare il contagio. A ciò si aggiungano il necessario rafforzamento delle misure di biosicurezza negli allevamenti e i piani di contenimento dei selvatici, che possono essere efficaci solo in via preventiva. In conclusione il Ministero ha ricordato di aver svolto recentemente la simulazione di gestione di una situazione di crisi e si è reso disponibile a ripetere il test nell’immediato.

Il candidato vaccino GSK aiuta a prevenire la tubercolosi polmonare attiva negli adulti HIV negativi nello studio di fase II

La pubblicazione dei risultati primari nel New England Journal of Medicine mostra l'impatto positivo dell'innovativa tecnologia vaccinale nella sperimentazione clinica condotta in regioni dove la tubercolosi è endemica
Londra, 25 settembre 2018 - Oggi, GSK e Aeras hanno riferito che il candidato vaccino M72 / AS01E di GSK ha ridotto significativamente l'incidenza della tubercolosi polmonare negli adulti HIV-negativi con infezione da tubercolosi latente [2] in un test clinico di fase IIb in corso.

Carabinieri NAS: indagini nel settore sanitario in tutta Italia – denunciate 8 persone

Il NAS di Salerno, a conclusione di una complessa attività investigativa, ha deferito una persona alla Procura della Repubblica di Vallo della Lucania (SA) con l’accusa di esercizio abusivo della professione sanitaria. L’indagato è il titolare di un sedicente studio medico sito sulle coste del Cilento, luogo in cui praticava l’attività di psicoterapeuta, sottoponendo i pazienti a vere e proprie sedute terapeutiche/curative, anche ipnotiche, pur non avendo mai conseguito alcuna abilitazione professionale.
Il NAS di Pescara, a seguito di una fitta serie di accertamenti incrociati, ha deferito in stato di libertà 3 uomini per sostituzione di persona e interruzione di un servizio di pubblica utilità continuato in concorso. Il sodalizio criminale era composto da tre medici, due dei quali in pensione, che si sostituivano l’un l’altro all’interno dell’ambulatorio dell’unico dottore ancora in attività, effettuando visite e prescrivendo farmaci con ricette firmate a nome di quest’ultimo, procurandogli così un vantaggio economico derivante dalle indennità di compenso giornaliera del S.S.N.
Il NAS di Padova ha deferito un medico endocrinologo all’Autorità Giudiziaria con l’accusa di truffa aggravata. I Carabinieri, infatti, hanno accertato che la dottoressa, in qualità di medico chirurgo libero professionista e adducendo dei motivi di salute, convinceva alcuni dei suoi pazienti a comprare un apparecchio per il trattamento dell’acqua potabile, acquisto per il quale lei stessa intascava successivamente una percentuale.
I Carabinieri del NAS di Bologna, a conclusione di un’indagine relativa alla diffusione di messaggi pubblicitari in tema di prevenzione vaccinale, hanno deferito in stato di libertà la rappresentante di un comitato emiliano per diffusione di notizie false, esagerate o tendenziose. La donna infatti, con più azioni esecutive e in esecuzione al medesimo disegno criminoso, aveva ideato, prodotto e pubblicizzato, un cartellone pubblicitario avente come tema i vaccini e riportante notizie false e tendenziose atte a turbare l’ordine pubblico.
Il NAS di Viterbo, infine, ha notificato per conto della locale Autorità Giudiziaria l’avviso di informazione di garanzia e conclusione delle indagini preliminari nei confronti di due persone. Gli indagati sono due medici anestesisti accusati di aver somministrato, all’interno del proprio ambulatorio, dei medicinali ad azione anestetica di provenienza illecita.

 
Farmacovigilanza dei medicinali veterinari - Bollettino anno 2017

Il Ministero della Salute ha reso pubblico il bollettino 2017 di farmacovigilanza con i risultati dell’attività di monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio relativo ai medicinali veterinari autorizzati in Italia.
Il report è rivolto principalmente ai veterinari che prescrivono e somministrano i medicinali su tutto il territorio nazionale e contiene l’analisi delle segnalazioni pervenute al Ministero nel corso del anno 2017 in merito a sospetti eventi avversi (AE – Adverse Events) causati dall’utilizzo di medicinali veterinari autorizzati.
Il documento riassume anche le principali iniziative messe in atto dall’Autorità competente per migliorare il profilo di sicurezza dei medicinali.


Corretti stili di vita, ruolo del farmacista al centro della collaborazione tra Iss e Federfarma
 
Il farmacista attore privilegiato nella promozione dei corretti stili di vita. Va in questa direzione la collaborazione tra l’Istituto Superiore di Sanità e Federfarma, che ha portato il Centro Nazionale per la Prevenzione delle Malattie e la Promozione della salute dell’Iss a realizzare per le farmacie una scheda informativa sulle competenze di base del counselling. La scheda, che sarà pubblicata come inserto in un prossimo numero di Farma7, sottolinea l’importanza che il colloquio in farmacia tra farmacista e cittadino può avere ai fini della promozione di corretti comportamenti e stili di vita salutari. Fornisce, inoltre, alcune indicazioni di base per affrontare nel modo più corretto un colloquio di questo tipo. Tale documento sarà integrato da ulteriori materiali di approfondimento sulle abilità relazionali negli interventi di counselling, corredati anche da esempi di colloquio che possono svolgersi in farmacia sempre in relazione alla promozione di corretti stili di vita.
 
 
Il Presidente SIP Alberto Villani a Rainews24: “Vaccino esavalente è sicuro, resti obbligo”

Dopo anni di calo delle coperture vaccinali abbiamo invertito la rotta grazie alla legge Lorenzin, ma non possiamo abbassare la guardia. L’obiettivo dell’eliminazione dell’obbligo è da tutti condiviso, ma bisogna arrivarci con una copertura vaccinale soddisfacente in tutta Italia. Oggi invece abbiamo ancora casi di tetano, di Haemophilus influenzare di tipo b, di bambini sotto i tre mesi che muoiono di pertosse. L’obbligo serve a proteggere i bambini che non possono essere vaccinati: non solo gli immunodepressi, ma anche i figli dei no vax".

 
La verità, vi prego, sul magnesio

È ovunque attorno a noi, ma non lo conosciamo bene come dovremmo.
È nelle acque e nella crosta terrestre, nelle nostre ossa e persino nelle lattine delle nostre bevande!
Stiamo parlando del magnesio (Mg), un metallo largamente impiegato a livello industriale, in settori avanzati come la missilistica, l'aeronautica e l’automobilistica, nonché in oggetti della vita quotidiana, come appunto le lattine per le bibite.

Il magnesio è fondamentale per il nostro organismo, per il trasporto degli impulsi nervosi, per la contrazione dei muscoli, per il mantenimento del ritmo cardiaco, per l’assorbimento di vitamine, calcio sodio e potassio.
Ma le inaspettate virtù del magnesio non sono finite: oltre ad essere cruciale per il metabolismo di zuccheri, proteine, grassi, carboidrati e per i processi di produzione ed utilizzo dell’energia (ATP), vari composti a base di magnesio sono impiegati anche in ambito medico-sanitario.
Le sue proprietà taumaturgiche furono scoperte nei primi anni della Grande Guerra da Pierre Delbet, medico francese che utilizzò il cloruro di magnesio per disinfettare e igienizzare le ferite dei soldati.
 
 
Che influenza ci aspetta? 

Tra non molto con l’abbassarsi delle temperature molti di noi verranno colpiti dai malanni tipici dell’inverno. Ma che influenza ci aspetta quest’anno?

In occasione dell’evento stampa odierno organizzato da Assosalute (Associazione nazionale farmaci di automedicazione, parte di Federchimica), il Prof. Fabrizio Pregliasco, virologo e ricercatore del Dipartimento di Scienze Biomediche per la Salute dell’Università degli Studi di Milano e Direttore Sanitario IRCCS Galeazzi di Milano, ha delineato le caratteristiche della prossima influenza stagionale e i comportamenti più corretti da tenere in caso di sintomi influenzali e da raffreddamento.

«La prossima stagione influenzale dovrebbe essere di intensità media. Si stima, però, che non meno di 5 milioni di persone saranno costrette a letto - afferma il Prof. Fabrizio Pregliasco, - nell’emisfero australe la stagione sta scorrendo con bassi livelli di diffusione e una prevalenza del virus AH1N1, anche se in quest’ultima parte di stagione rimane l’incognita del contributo del virus B che potrebbe innalzare la dimensione complessiva della stagione».

Nevio Dubbini e Marta Gaia Zanchi hanno spiegato agli specializzandi in neurologia i segreti della digital health
Pisa – È impossibile ignorare le potenzialità e i cambiamenti introdotti dalla digital health, la sanità digitale. Sicuramente non possono permettersi di ignorarlo i giovani specializzandi in neurologia: a loro è stato dedicato un workshop nel corso dell'evento “#CrossRoads – Percorsi integrati nelle terapie neurologiche”, che si è svolto il 21 e 22 settembre a Pisa presso la Scuola Superiore Sant'Anna, su iniziativa di Sanofi Genzyme. A spiegare agli specializzandi le sfide che rappresentano le nuove tecnologie sono stati Nevio Dubbini, CEO di Miningful Studio, Marta Gaia Zanchi, Professore Associato presso la Stanford School of Medicine e Giuseppe Turchetti, dell'Istituto di Management della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa.

Cambridge (USA) – Lo scorso mese di luglio, negli Stati Uniti, la Food and Drug Administration (FDA) aveva sospeso lo studio clinico di Fase I/IIa sul programma di terapia genica con micro-distrofina che Sarepta Therapeutics sta sviluppando per il trattamento della distrofia muscolare di Duchenne (DMD). Grazie ai tempestivi provvedimenti presi da Sarepta, in collaborazione con il Nationwide Children's Hospital, l'Agenzia statunitense, dopo soli due mesi, ha revocato lo stato di sospensione clinica in cui aveva posto la terapia, concedendo nuovamente il via libera alla sperimentazione nei pazienti.



Il prof. Giovanni Iolascon (Napoli): “Lo scopo ultimo dell'approccio bio-psico-sociale è l’empowerment della persona, che ne facilita le attività e la partecipazione sociale, e ne migliora la qualità di vita”

Pisa – Le patologie croniche, e in particolare quelle rare, impongono una progressiva modifica della gestione da parte del medico: se in una prima fase l'approccio è volto prevalentemente alla diagnosi e alla ricerca di un’efficace terapia farmacologica, in una seconda fase si cercano soluzioni per migliorare la funzionalità del paziente e permettergli una giusta partecipazione sociale e una buona qualità di vita. In entrambe le fasi, ma soprattutto nella seconda, l’approccio migliore è quello multidisciplinare.

mercoledì 26 settembre 2018

 
Rete dei registri dei tumori

Audizione F.A.V.O. presso la Commissione Igiene e Sanità del Senato
Si è svolta mercoledì 26 settembre 2018 alle ore 14, in sede di Ufficio di Presidenza integrato dai rappresentanti dei Gruppi, l'Audizione presso la Commissione Igiene e Sanità del Senato nell'ambito dell'esame dei disegni di legge nn.92-5353 (Rete dei registri dei tumori).
All'Audizione è stato invitato il Presidente Francesco De Lorenzo, che ha illustrato la posizione F.A.V.O. e prodotto il documento scaricabile a questo link.

Fonte sito della FAVO
 
HIV e giovani, avviso per la presentazione di un progetto sulla valutazione dei contenuti web come strumento informativo

Il Ministero della salute intende realizzare un progetto dal titolo: “HIV e giovani: valutazione di contenuti web come strumento informativo utile alla prevenzione HIV e alla diffusione di comportamenti corretti. Analizzare il web come fonte di informazioni sulle percezioni dei giovani relative all'infezione da HIV, ai fattori di rischio e allo stigma, per orientare una prevenzione mirata.”
L’avviso è rivolto esclusivamente a enti del S.S.N., Università pubbliche, istituti pubblici di ricerca; quest’ultimi, se non operanti sull’intero territorio nazionale, dovranno essere autorizzati a partecipare dalla Regione competente per località di sede legale.
I progetti, della durata di 24 mesi, dovranno essere redatti utilizzando esclusivamente il format di progettazione allegato all’avviso, che andrà compilato sulla base delle indicazioni contenute nella Guida alla progettazione anch’essa allegata all’avviso.

Diabete a Scuola: protocollo FNOPI-FDG per l’assistenza sociosanitaria degli alunni


Ad annunciare la novità, proprio all’avvio dell’anno scolastico, è la Federazione Diabete Giovanile che con la FNOPI vuole mettere in campo tutte le azioni necessarie per qualificare e garantire appropriatezza clinico-assistenziale ai percorsi di vita quotidiana dei giovani con diabete
“I bambini con diabete TIPO 1 a scuola non posso essere seguiti da una maestra o dagli insegnati nei loro bisogni legati alla patologia (insulina e somministrazione di farmaci, ma non solo), sia da punto di vista della responsabilità dei docenti, sia per la sicurezza della salute dei discenti. Per questo la nostra Federazione ha sottoscritto un accordo con la Federazione Nazionale degli Ordini Professionali degli infermieri (FNOPI), perché nell’ambiente scolastico sia garantita la necessaria assistenza sociosanitaria e anche la corretta informazione e sensibilizzazione sulla malattia”.

 
Giulia Grillo inaugurata la nuova procedura di aggiornamento dei Lea, finalmente un percorso trasparente e predichiarato che prevede il coinvolgimento dei pazienti prima di ogni decisione

“Finalmente abbiamo deliberato una metodologia trasparente per l’aggiornamento dei Lea (Livelli essenziali di assistenza). Tutti i portatori di interesse: associazioni dei pazienti, dei cittadini e società scientifiche, l’industria, le regioni e gli enti pubblici potranno fare delle domande e ottenere ascolto in un procedimento chiaro e condiviso di Health Technology Assessment che ha messo in back-office il Ministero, l’Istituto Superiore di Sanita, l’Aifa, l’Agenas,  la cabina di regia per l’Hta. Ognuno farà la sua parte all’interno di un percorso unico e integrato che da un lato ci fornirà evidenze cliniche e dall’altro valutazioni di impatto su tutto il Servizio sanitario nazionale per allocare le risorse efficacemente e senza dispersioni.
Un cambio di metodo radicale, in direzione di concreta trasparenza. Non bisognerà più avere conoscenze personali al Ministero o nei corridoi delle istituzioni per poter portare la propria richiesta e per farsi ascoltare. Un unico centro di raccolta si occuperà di smistare la domanda all’istituzione di competenza. Nessuna decisione che riguarda le diverse categorie dei pazienti sarà più presa senza il coinvolgimento delle parti direttamente interessate. La commissione nazionale Lea al termine del percorso su ogni tema dovrà ascoltare i pazienti e tenerne conto.
È la prima volta che tutti gli stakeholder potranno avere un percorso chiaro per far valere le proprie ragioni”.

Giulia Grillo - Ministro della Salute
Comunicato n. 69 - Data del comunicato 26 settembre 2018

Fonte sito del Ministero della Salute
L'EMA raccomanda l'estensione delle indicazioni terapeutiche per il Cabozantinib
 Una nuova indicazione riguarda il trattamento del carcinoma epatocellulare negli adulti che sono stati precedentemente trattati con sorafenib

Continua a leggere sul sito di ESMO
 
Tumore del polmone: immunoterapia dimostra beneficio significativo in sopravvivenza globale in stadio III

AstraZeneca e MedImmune, la sua divisione di ricerca e sviluppo biologico globale, hanno presentato i dati di sopravvivenza globale (OS) dello studio di fase III PACIFIC con durvalumab durante il Presidential Symposium della 19a Conferenza mondiale sul tumore del polmone dell’International Association for the Study of Lung Cancer (IASLC, Associazione internazionale per lo studio del tumore del polmone) a Toronto, in Canada
 

Comunicare una diagnosi infausta

ORISTANO, 26 SETTEMBRE 2018 – Nella valigetta del medico, fra gli strumenti del mestiere, non dovrebbero mai mancare la sensibilità e l’umanità, componenti fondamentali del processo di cura del paziente, in particolare quando ci si trova a dover comunicare una diagnosi infausta. Dalla necessità di approfondire la formazione del personale sanitario in questo campo, migliorarne le competenze comunicative e favorire la creazione di un buon ambiente terapeutico-relazionale è nato il corso organizzato dal Servizio di Psicologia della Ats-Assl Oristano e rivolto a medici, infermieri e psicologi dell’intera Ats. L’evento si svolgerà nella sala conferenze (Aula verde) dell’ospedale San Martino di Oristano in due diverse edizioni: la prima giovedì 27 e venerdì 28 settembre, la seconda lunedì 19 e martedì 20 novembre 2018.

«In sanità esistono molti campi, dagli screening oncologici alla chirurgia, in cui l’aspetto della comunicazione di una bad news, una cattiva notizia, ai pazienti ed ai loro familiari riveste particolare importanza e il modo in cui la si espone al paziente può avere ripercussioni significative sulla sua qualità della vita – spiega il responsabile scientifico del corso Domenico Putzolu, responsabile del Servizio di Psicologia Ats-Assl Oristano -. Gestire un evento doloroso richiede una comunicazione aperta, onesta e tempestiva e ciò concorre al miglioramento delle cure. Quando il contenuto della notizia o della diagnosi innesca emozioni quali sofferenza e dolore – prosegue lo psicologo – l'operatore sanitario deve attivare un comportamento empatico in grado di accogliere e contenere questi stati d’animo».

Durante la due giorni verranno affrontati non solo gli aspetti normativi legati alla comunicazione con i pazienti, come il diritto della persona malata di voler conoscere o di non voler conoscere le proprie condizioni di salute, si passeranno in rassegna i casi clinici e si effettueranno simulazioni di strategie comunicative efficaci, da adottare in corsia. Docenti del corso saranno gli psicologi Fabrizio Floris, Paola Assunta Pennisi, Domenico Putzolu e la psiconcologa Maria Pia Serra. 

 
Linee guida per la promozione dell’uso prudente degli antimicrobici negli allevamenti zootecnici per la prevenzione dell’antimicrobico-resistenza

Il Ministero della salute ha reso pubbliche le “Linee guida per la promozione dell’uso prudente degli antimicrobici negli allevamenti zootecnici per la prevenzione dell’antimicrobico-resistenza”. Il documento, elaborato dalla Sezione per la Farmacosorveglianza sui medicinali veterinari del Comitato tecnico per la nutrizione e la sanità animale (Decreto ministeriale del 30 marzo 2016) fornisce indicazioni utili per prevenire l’uso inappropriato di antimicrobici che, in medicina veterinaria, rappresenta un rischio concreto per la salute animale, per gli allevatori ed è responsabile sia della riduzione delle produzioni che dell’inefficienza degli allevamenti.

 
Blefarite

La blefarite è un'infiammazione piuttosto comune delle palpebre (dal greco blépharon). Si può manifestare a qualsiasi età, più volte, interessando un solo occhio o entrambi. Anche se fastidiosa, la blefarite in genere non causa danni permanenti alla vista e non è contagiosa.

Spesa farmaceutica, i dati Aifa: convenzionata netta in flessione del -5,1% rispetto al 2017

Solo tre regioni su ventuno rispettano i limiti sulla spesa farmaceutica. Questo uno dei primi dati che emerge dal monitoraggio Aifa di gennaio-aprile. Ma il dato rilevante è sulla convenzionata netta a carico del Ssn che nel periodo gennaio-aprile 2018, calcolata al netto degli sconti, della compartecipazione totale (ticket regionali e compartecipazione al prezzo di riferimento) e del pay-back 1,83% versato alle Regioni dalle aziende farmaceutiche, si è attestata a 2.642,1 ml di euro, evidenziando una flessione, rispetto all’anno precedente, pari a -142,8 ml di € (-5,1%)

Continua a leggere sul sito della Federfarma

 

 
Carabinieri NAS: Controlli nel settore sanitario

I Carabinieri dei NAS continuano a monitorare i siti web dediti alla vendita on-line di prodotti di vario genere al fine di verificare il rispetto delle regole che disciplinano il settore dell’e-commerce. In tale contesto il NAS di Roma ha eseguito attività ispettiva presso due farmacie della Capitale, accertando in una la vendita elettronica irregolare di farmaci veterinari e nell’altra l’assenza della prevista segnalazione certificata di inizio attività all’Autorità sanitaria. Ai farmacisti titolari degli esercizi controllati sono state contestate sanzioni amministrative per quasi 26 mila euro.
Il Nas di Milano, nell’ambito dei controlli volti a garantire il benessere degli animali d’affezione, ha eseguito un’ispezione presso un centro medico veterinario della provincia milanese, al termine della quale ha denunciato alla locale Autorità giudiziaria il direttore sanitario dello studio per aver omesso il doveroso controllo sulle specialità medicinali e dispositivi medici rinvenuti dai Carabinieri con data di scadenza superata da diversi anni. Nella circostanza sono state poste sotto sequestro 25 compresse del farmaco stupefacente “luminalette - fenobarbitale”, 49 fiale e flaconi di farmaci appartenenti a diverse categorie farmaceutiche e 1610 confezioni di dispositivi medici.
Il NAS di Torino, a conclusione di indagini delegate dalla locale Autorità giudiziaria, ha accertato che presso la Direzione sanitaria dell’Azienda Ospedaliero Universitaria del capoluogo piemontese, un professore associato dell’Università di Torino, convenzionato come dirigente medico di primo livello, nel corso del 2017 ha promosso la sperimentazione clinica su 14 pazienti del presidio ospedaliero oftalmico effettuando sugli stessi iniezioni intracongiuntivale del farmaco Avastin in modalità off label per il trattamento dello pterigio senza aver ottenuto il parere favorevole del comitato etico competente. Per tale irregolarità il medico è stato segnalato alla Autorità giudiziaria e sanitaria.

Fonte sito del NAS (Ministero della Salute)
 
Allarme Ocse e Oms: “in Italia pochi infermieri rispetto agli abitanti. Rischio per assistenza e cronicità"

Secondo Ocse e Oms l'Italia ha pochi infermieri in rapporto agli abitanti:  6.5 ogni 1000 abitanti, mentre la media UE è di 8.4. ai primi posti  i Paesi del Nord Europa (Norvegia, Svizzera, Danimarca, Islanda, Finlandia, la stessa Germania e così via), tutti a partire dai 7,9 infermieri per mille abitanti del Regno Unito (che pure chiede infermieri all’Italia) fino ai 17,7 della Norvegia
Italia nella bassa classifica del rapporto tra infermieri e abitanti con servizi e assistenza a rischio.

Cambridge e Emeryville (USA) - bluebird bio e Gritstone Oncology hanno intrapreso un rapporto di collaborazione per la ricerca, lo sviluppo e la commercializzazione di terapie cellulari dirette al trattamento del cancro. Gritstone Oncology utilizzerà la sua piattaforma di intelligenza artificiale EDGE™ per analizzare diversi tipi di tumore, al fine di identificare specifici bersagli terapeutici e recettori dei linfociti T (TCR) diretti a tali bersagli, che verranno poi utilizzati nei programmi di terapia cellulare di bluebird bio.

martedì 25 settembre 2018

 
Dopo il valsartan, altri sartani utilizzati per curare l’ipertensione sotto la lente dell'Agenzia europea del farmaco per rischio tumori
Nel mese di luglio, ha destato molte preoccupazioni la notizia della presenza, nei medicinali a base di valsartan, di una sostanza ritenuta “probabilmente cancerogena”, la N-nitrosodimetilammina (NDMA). I medicinali a base di valsartan vengono utilizzati per il trattamento dell’ipertensione arteriosa e dell’insufficienza cardiaca e nei pazienti che hanno subito un infarto cardiaco. La presenza di NDMA è stata riscontrata nel principio attivo valsartan prodotto dall’officina della Zhejiang Huahai Pharmaceuticals (Cina).
 
Cancro anche le vaccinazioni aiutano la prevenzione

Roma, 25 settembre 2018 – Vaccinarsi deve essere considerato uno stile di vita sano e anticancro esattamente come non fumare, limitare il consumo di alcol, mangiare tutti i giorni frutta o verdura o praticare regolarmente attività fisica. Si calcola che più dell’8% di tutte le forme di cancro è riconducibile a virus e altri patogeni tra cui il virus dell’HPV.
 
L'EMA raccomanda l'estensione delle indicazioni terapeutiche per l'enzalutamide
 
Una nuova indicazione riguarda il trattamento di uomini adulti con CRPC non metastatico ad alto rischio


Continua a leggere sul sito di ESMO
La Sindrome Fibromialgica verso l’inserimento nei LEA
 
Il ministero della Salute ha riconosciuto la sindrome fibromialgica come una malattia cronica invalidante. Il primo passo importante perché possa essere finalmente inserita tra le prestazioni previste dai Lea (Livelli essenziali di assistenza). Colpisce circa due milioni di persone, eppure nonostante la gravità dei disturbi, dell’impatto sociale e sanitario, che necessitano di un percorso assistenziale definito, l’Italia rimane ancora uno dei pochi Paesi europei in cui  non è stata ancora riconosciuta dal Servizio sanitario nazionale tra le malattie croniche per le quali è prevista l’esenzione dalla compartecipazione alla spesa sanitaria. Lo dice il presidente dell’Ordine dei medici di Palermo, Toti Amato