StatCounter

venerdì 24 agosto 2018







Vaccini e false notizie, Anelli: “Non lasciatevi rubare salute e libertà”

Ci sarebbero anche i troll russi dietro la disinformazione sui vaccini diffusa tramite social network: ad affermarlo, uno studio americano, pubblicato sull’American Journal of Public Health da ricercatori dell’Università di Washington, del quale dà oggi notizia tutta la stampa internazionale.
A differenza dei “classici” bots o dei cosiddetti “avvelenatori di pozzi”, che, nel periodo esaminato, spacciavano in rete principalmente contenuti antivax, i troll provenienti dalla Russia diffondevano notizie sia pro sia contro i vaccini, in modo da polarizzare l’opinione pubblica americana e creare la percezione falsa di un dibattito nella comunità, fomentando la discordia.