StatCounter

sabato 14 luglio 2018

Fondazione Roche a fianco delle associazioni di pazienti in emofilia:
120.000 euro a sostegno di progetti socio-sanitari e socio-assistenziali

 
  • Prosegue l’impegno di Fondazione Roche per accendere i riflettori sulla persona-
    paziente e i suoi bisogni di salute con il bando “Fondazione Roche per le persone con
    emofilia”
  • 120.000 euro verranno assegnati a 6 associazioni di pazienti a supporto di progetti in
    ambito socio-sanitario e socio-assistenziale che possano accrescere la qualità di vita
    di pazienti con emofilia e delle loro famiglie
  • Fondazione Sodalitas – ente indipendente con un expertise unica nel settore no-profit
    – selezionerà e valuterà i progetti candidati
 
Accendere i riflettori sulla persona-paziente e i suoi bisogni di salute è uno degli obiettivi che Fondazione Roche persegue con convinzione, al fine di ridurre le aree di disagio per chi vive in una condizione di disabilità e di fragilità. Nel mondo dell’emofilia, malattia rara ed ereditaria del sangue che colpisce circa 4.000 persone in Italia, le associazioni di pazienti giocano un ruolo chiave nell’offrire quotidianamente servizi di cura e assistenza alle persone con emofilia e ai famigliari che ogni giorno sono al loro fianco. Questo duro lavoro, portato avanti con passione ogni giorno dai tanti volontari e dalle realtà non-profit più in generale, rappresenta un valore inestimabile per la comunità, che Fondazione Roche vuole sostenere e promuovere perché cuore pulsante della propria missione.

Per questo e a conferma di questo impegno, Fondazione Roche ha deciso di mettere a disposizione un finanziamento di 120.000 euro a favore di progetti socio-sanitari e socio-assistenziali promossi da associazioni pazienti operanti sul territorio nazionale, volti alla realizzazione di servizi dedicati alle persone con emofilia e alle loro famiglie, al fine di garantire loro una migliore qualità di vita e gestione della patologia.
“È evidente come i servizi di assistenza ai malati e alle famiglie che se ne prendono cura sia uno dei punti cruciali a cui il mondo della salute deve trovare risposte al più presto – commenta Francesco Frattini, Segretario Generale di Fondazione Roche – Questo &egrave
ancora più vero nel panorama delle malattie rare, dove quotidianamente decine di associazioni di pazienti si impegnano ogni giorno su tutto il territorio italiano per essere
concretamente al fianco di chi ne ha bisogno, affrontando e superando numerosi ostacoli”.

Continua a leggere: