StatCounter

giovedì 19 luglio 2018







Farmaci inutilizzati, stop allo spreco

Regione, Hera e Last Minute Market insieme per incentivare raccolta e redistribuzione. Venturi: "Sono beni preziosi, l'utilizzo responsabile è un forte richiamo etico alla solidarietà"She
Antibiotici, analgesici e medicine per patologie cardiovascolari. Sono i tipi di farmaci che, seppure ancora in corso di validità, in confezioni integre e correttamente conservate, finiscono più frequentemente nel cestino. Recuperarli e consegnarli a persone in situazione di svantaggio economico e sociale tramite organizzazioni senza fini di lucro, si può: così non solo si riduce lo spreco e si limitano gli impatti negativi sull’ambiente, ma si aiuta chi ha problemi ad accedere concretamente a cure e medicine.
Da queste premesse e con quest’obiettivo nasce il Protocollo d’intenti sul recupero dei farmaci donati, approvato nell’ultima seduta di Giunta, e firmato da Regione Emilia-Romagna (assessorato Politiche per la salute), Hera e Last Minute Market, con lo scopo di promuovere in tutta l’Emilia-Romagna le “buone pratiche“ sui farmaci.
“I farmaci vanno usati in modo corretto, e ciò significa anche ridurne al minimo lo spreco- sottolinea l’assessore regionale alle Politiche per la salute, Sergio Venturi-. Sono beni preziosi, e onerosi, per la nostra collettività, e l’utilizzo responsabile coincide con un forte richiamo etico alla solidarietà nei confronti di persone e comunità in situazione di fragilità e svantaggio. Con questa intesa uniamo le forze, consapevoli che anche i piccoli gesti virtuosi dei singoli cittadini possono contribuire a fare la differenza”.

Continua a leggere: