StatCounter

martedì 31 luglio 2018

Carenza CINRYZE - modalità di richiesta d'Importazione dall'estero

Determinazione AIFA

L'Agenzia Italiana del Farmaco rende disponibili aggiornamenti relativi al medicinale "CINRYZE", non reperibile sul territorio nazionale per il quale è stata autorizzata l’importazione dall’estero su richiesta dell’azienda.

Scarica la determina dal sito dell'AIFA:


Numeri e fatti fondamentali sul carcinoma del colon-retto

IL CARCINOMA DEL COLON-RETTO Ô IN ASSOLUTO IL TUMORE A MAGGIORE INSORGENZA NELLA POPOLAZIONE ITALIANA, CON QUASI 53.000 DIAGNOSI STIMATE PER IL 2017

Scarica la scheda sul sito ACOI:







Malattia: guida al certificato medico e alle visite fiscali

Cosa devono fare i lavoratori in caso di malattia? Lo spiega l’INPS con una guida sulla certificazione telematica e sulle visite mediche di controllo. L’Istituto risponde così alle domande più frequenti dei dipendenti, sia privati che pubblici, indicando loro i passi da seguire quando, causa malattia, sono impossibilitati a recarsi a lavoro.
La prima cosa da fare è contattare il proprio medico curante che ha il compito di redigere e trasmettere il certificato in via telematica all’INPS. Certificato e attestato cartacei (l’attestato indica solo la prognosi, ossia il giorno di inizio e di fine presunta della malattia; il certificato indica la prognosi e la diagnosi, ossia la causa della malattia) sono accettati solo quando non sia tecnicamente possibile la trasmissione telematica.
Il lavoratore, ricorda l’Istituto, deve prendere nota del numero di protocollo del certificato e controllare l’esattezza dei dati anagrafici e dell’indirizzo di reperibilità per la visita medica inseriti. Può inoltre verificare la corretta trasmissione del certificato tramite l’apposito servizio sul sito INPS, inserendo le proprie credenziali (codice fiscale e PIN o SPID per consultare il certificato; codice fiscale e numero di protocollo per consultare l’attestato)

Continua a leggere sul sito dell'INPS:
Centro Nazionale Sangue: “Sorveglianza continua sul West Nile Virus”

Il Direttore Liumbruno: “Il sistema regge ma è raccomandabile l’adozione del test Nat”
Il sistema sangue regge di fronte all’epidemia di West Nile Virus che sta colpendo molte regioni del Nord Italia. Il virus del Nilo Occidentale che si trasmette attraverso la puntura di una zanzara di genere Culex, spesso non manifesta sintomi e solo in casi molto rari, in pazienti già indeboliti da altre patologie, può causare delle complicazioni che si rivelano letali come è successo nei giorni scorsi in Emilia Romagna. In questa categoria potrebbero rientrare gli affetti da malattie croniche che richiedono il ricorso costante a terapie trasfusionali. Il Centro Nazionale Sangue, di concerto con le Regioni, ha quindi attivato già da giugno un piano per la sorveglianza e la prevenzione della trasmissione del virus attraverso la trasfusione di emocomponenti labili. Il piano prevede la diramazione di un alert immediato non appena il virus venga isolato in un pool di zanzare, in un esemplare di avifauna o in un equide.
 
Continua a leggere sul sito dell'ISS:






Nel 2010 l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell’Abruzzo e del Molise “G. Caporale”, in sinergia con il Premio Internazionale della Fotografia Cinematografica “Gianni di Venanzo” (organizzato dall’Associazione Culturale Teramo Nostra), ha promosso il Premio Speciale IZSAM "G. Caporale" per un cortometraggio sulla relazione uomo-animale volto a diffondere la sensibilità e la conoscenza nei confronti degli animali attraverso il mezzo comunicativo del cinema.
L’ultimo giorno utile per la presentazione dei filmati è il 5 ottobre 2018.
A livello locale sono coinvolte alcune classi delle scuole primarie e secondarie della città di Teramo per la realizzazione di elaborati testuali e grafico/pittorici sul rapporto uomo-animale e il benessere degli animali visti e raccontati con gli occhi e la sensibilità dei giovani studenti. Gli elaborati selezionati, a giudizio della Direzione dell’Istituto, vengono raccolti in una pubblicazione a stampa diffusa nelle scuole della provincia e alla cittadinanza.
Partecipare al premio speciale con un cortometraggio
Per partecipare al Premio Speciale basta avere una sensibilità particolare e un occhio attento ai colori o al bianco e nero, all’illuminazione e a tutto quanto renda artistica la scena che si sta riprendendo. Il tema è “la relazione uomo-animale” sul quale cineasti, registi, documentaristi potranno cimentarsi, sia con lavori realizzati ad hoc sia con progetti già pronti e idonei al Premio.

Continua a leggere e scarica il regolamento e la scheda iscrizione :
http://www.fnovi.it/node/47655



Giulia Grillo: Grazie al Consiglio di Stato Così diamo piena attuazione al biotestamento

“Ringrazio il Consiglio di Stato per avermi reso in tempi rapidissimi il parere sui quesiti richiesti dal ministero della Salute per accelerare la costituzione della Banca dati nazionale delle Dichiarazioni anticipate di trattamento (Dat). I chiarimenti del massimo organo della Giustizia amministrativa ci consentono di ultimare la predisposizione di un provvedimento molto atteso dai cittadini, ma purtroppo per lungo tempo dimenticato nei cassetti del ministero. Subito, al momento del mio insediamento come ministro, ho messo all’ordine del giorno un tema di civiltà, per dare finalmente applicazione a una legge nazionale che non poteva restare disattesa. Presto il biotestamento potrà diventare pienamente realtà”.

Giulia Grillo - ministro della Salute  - Comunicato Stampa n.42 del 31 luglio 2018 

Fonte sito del Ministero della Salute:
http://www.salute.gov.it/portale/news/p3_2_4_1_1.jsp?lingua=italiano&menu=salastampa&p=comunicatistampa&id=5055

MANIFESTO DELLA PREVENZIONE PER GLI OVER 60

Il documento elaborato dal Think Tank Punto Insieme Sanità di Senior Italia FederAnziani con la collaborazione di 19 società scientifiche e organizzazioni di settore
Quali sono i campanelli d’allarme per le patologie cardiovascolari? Come riconoscere un tumore della pelle? Come valutare il proprio rischio diabete? Come capire con un semplice autotest se si è a rischio maculopatia? Come prevenire la fragilità ossea e capire se si è addirittura già fratturati senza saperlo? Come diagnosticare precocemente l’ipertrofia prostatica benigna e l’incontinenza urinaria? Come riconoscere i sintomi di una malattia respiratoria? Come capire se si soffre di depressione?
Queste e molte altre sono le indicazioni per gli over 60 contenute nel Manifesto per la Prevenzione, elaborato dal Think Tank Punto Insieme Sanità di Senior Italia FederAnziani con la collaborazione di 19 società scientifiche e organizzazioni di settore, tra cui FIMMG (Federazione Italiana dei Medici di Medicina Generale), Federfarma (Federazione Nazionale Unitaria Titolari di Farmacia), CARD (Confederazione delle Associazioni Regionali di Distretto) e FNOPI (Federazione Nazionale Ordini Professioni Infermieristiche). Il Manifesto contiene inoltre indicazioni per i medici di medicina generale e l’infermiere di prossimità in merito agli esami clinico strumentali raccomandati come screening di base per le diverse patologie, e indicazioni alle Istituzioni sugli strumenti utili da mettere in campo per migliorare i percorsi di prevenzione.

Continua a leggere sul sito di Senior Italia:






Avviso di selezione per il reperimento di n. 220 medici specialisti per le esigenze delle Commissioni mediche di verifica e della Commissione medica superiore del Ministero dell’economia e delle finanze

Avviso di selezione per il reperimento di n. 220 medici specialisti per le esigenze delle Commissioni mediche di verifica e della Commissione medica superiore del Ministero dell’economia e delle finanze ai sensi della direttiva del Ministro dell’economia e delle finanze n. 027490 del 6 marzo 2015, nonché per l’istituzione di speciali elenchi

Data di pubblicazione: 27 Luglio 2018

Per l’espletamento delle attività medico legali di competenza delle Commissioni mediche di verifica del Ministero dell’economia e delle finanze ubicate nei capoluoghi di regione e della Commissione medica superiore con sede in Roma è indetta una selezione pubblica per il reperimento di duecentoventi medici specialisti, prioritariamente in medicina legale e in altre branche di interesse istituzionale, ripartiti nelle sedi delle commissioni come da allegato 1 all’avviso di selezione.

Continua a leggere sul sito della FNOMCeO:






Osteoporosi: la dieta mediterranea amica delle ossa negli anziani

Lo rivela uno studio condotto su oltre 1000 persone

La dieta mediterranea, a base di frutta, verdura, olio d’oliva, pesce, cereali non raffinati e frutta secca è amica delle ossa. Può ridurre la perdita di densità ossea nelle persone con osteoporosi. E’ quanto emerge da uno studio dell’Università dell’East Anglia, che ha coinvolto anche l’Università di Bologna, pubblicato su American Journal of Clinical Nutrition. La ricerca è stata svolta su più di 1000 persone, per la precisione 1142 reclutate in cinque centri in Italia, Regno Unito, Paesi Bassi, Polonia e Francia. Di età compresa tra 65 e 79 anni, i partecipanti sono stati divisi in due gruppi: uno ha seguito una dieta mediterranea, aumentando l’apporto di frutta, verdura, noci, cereali non raffinati, olio d’oliva e pesce, consumando piccole quantità di latticini e carne e bevendo alcol con moderazione, l’altro no
 
Continua a leggere sul sito della SIR:






Studio: per essere più felici ci vuole un prato in città

Lo sostiene un recente studio americano

Come migliorare l’umore dei cittadini, abituati al grigiore degli edifici urbani e sottoposti allo smog quotidiano? Basta piantare un prato. È scientificamente provato dai ricercatori della Perelman School of Medicine e della School of Arts & Sciences all'Università della Pennsylvania, che gli spazi verdi in città apportano notevoli benefici alla salute mentale e riducono la depressione. 
 
Continua a leggere sul sito della SIR:






In arrivo 4500 vaccini contro il "fuoco di S.Antonio"

Sono in spedizione gli inviti alla vaccinazione per tutti i nati nel 1953 di Parma e provincia

Si chiama in termini scientifici herpes zoster, ma è più conosciuto come “fuoco di Sant’Antonio”, una malattia frequente e debilitante dovuta alla riattivazione del virus della varicella.
Per proteggersi da questa patologia lo strumento più efficace è la vaccinazione, prevista gratuitamente dal Piano nazionale di prevenzione vaccinale 2017-2019 per tutti nell’anno del compimento dei 65 anni (ovvero i nati nel 1953 per il 2018). Sono in partenza in questi giorni, dunque, le prime lettere d’invito alla vaccinazione da parte del Servizio di igiene pubblica, un totale di 4.500 inviti che entro settembre in varie tranche arriveranno a casa dei 65enni residenti a Parma e provincia. Nella lettera, oltre a spiegare in termini chiari e semplici la malattia, i suoi sintomi e le possibili complicanze, si invita a chiamare il call center Ausl (0521 1686812, da lunedì a venerdì in orario 7,30-18, il sabato dalle 7,30 alle 13,30) per fissare l’appuntamento per la vaccinazione agli ambulatori del Servizio di Igiene pubblica.

Continua a leggere sul sito della Regione Emilia Romagna:

Sclerosi multipla e sport all’aria aperta

Vela, arrampicata, windsurf e attività stimolanti fanno bene lo evidenzia un'iniziativa dei ricercatori FISM e dell'Università di Genova
Se hai la sclerosi multipla, sport impegnativi come la vela, l’arrampicata o il windsurf  fanno per te. Un’iniziativa promossa da AISM e la Fondazione Italiana Sclerosi Multipla (FISM) e dall’Università degli Studi di Genova ha evidenziato come sport complessi e faticosi possano avere un effetto positivo, stimolando chi li pratica, sia da un punto di vista fisico, sia  emotivo. L’evento MS and sport activity: wind of change – si è proposto proprio di affiancare allo stimolo fisico degli sport acquatici anche quello emozionale e psicologico che proviene dal contatto col mare e dalle attività legate a questo contesto, e in particolare dalla navigazione a vela.

Continua a leggere sul sito dell'AISM:

Eventi epidemici all'estero

Monitoraggio delle epidemie di Chikungunya e Dengue a livello mondiale

Comunicato n. 37 del 31 Luglio 2018 

http://www.salute.gov.it/Malinf_Gestione/47-18.pdf

Interrogazione a risposta scritta – Carenza medici 

Da notizie di stampa si apprende che nei prossimi cinque anni in Italia mancheranno quasi 12.000 medici, per effetto dei pensionamenti o di passaggi al privato: i primi a rischio di estinzione, a breve, sono gli anestesisti, seguiti dai chirurghi, igienisti, ginecologi e psichiatri; l’allerta è stata lanciata dalla Federazione delle aziende sanitarie pubbliche (Fiaso), che descrive un quadro allarmante arricchito però, come denunciano gli Ordini dei medici, anche da un paradosso: se da un lato mancano i medici, dall’altro sono oltre 15 mila i laureati in medicina ad oggi inoccupati; nei prossimi otto anni, i medici dei servizi sanitari di base scompariranno, mentre gli igienisti si ridurranno del 93 per cento e i patologi clinici dell’81 per cento. Internisti, chirurghi, psichiatri, nefrologi e riabilitatori si ridurranno a loro volta di oltre la metà, anche se il maggior numero di cessazioni dal lavoro si avrà tra gli anestesisti, che lasceranno in 4.715 da qui al 2025. Altro dato di rilievo, sottolinea la Fiaso, è poi il primato italiano di anzianità dei medici, che nel 51,5 per cento dei casi hanno superato i 55 anni di età, contro il 10 per cento del Regno Unito e il 20 per cento di Olanda e Spagna

Continua a leggere sul sito della FNOMCeO;



Giulia Grillo: a Reggio Calabria ingiustificabili carenze organizzative Faremo emergere tutte le responsabilità

“Quello che è accaduto al pronto soccorso del Grande ospedale metropolitano di Reggio Calabria, presso gli Ospedali Riuniti, dove dei pazienti con fratture sarebbero stati curati con fasciature di fortuna e cartoni, è di una gravità estrema. Nessuno intende sottovalutare le oggettive difficoltà in cui gli operatori svolgono la loro attività, ma quanto accaduto, se confermato, è frutto di evidenti ed ingiustificabili carenze organizzative. I carabinieri del Nas, che ringrazio per il prezioso lavoro, sono già stati sul posto e i miei Uffici hanno formalmente preso contatti con il Commissario Scura e con il Direttore generale, a cui chiederemo di riferire, con urgenza e puntualmente, sui gravi fatti denunciati dalla stampa. Come ministro della Salute, assicuro tutto il mio impegno ad andare fino in fondo alla questione, sia per far emergere le relative responsabilità, sia per evitare che fatti come questo si ripetano in futuro”.
Giulia Grillo - ministro della Salute (Comunicato stampa n.41 del 31 luglio 2018)

Fonte sito del Ministero della Salute:
http://www.salute.gov.it/portale/news/p3_2_4_1_1.jsp?lingua=italiano&menu=salastampa&p=comunicatistampa&id=5054

Tutti i segreti (e i benefici per la salute) della curcuma

Roma, 31 luglio 2018 – E’ una spezia originaria del sub-continente indiano ed è stata portata in Europa dagli inglesi nei secoli scorsi. Il suo nome è turmeric (in latino “terra interessante”), ma è più conosciuta come curcuma. Deriva da una pianta erbacea della famiglia Zinziberacee. Dalle radici opportunamente lavorate si ricava una polvere dal colore giallo arancio molto intenso (simile allo zenzero) che fa parte delle spezie che compongono il curry. Da oltre 5.000 anni è usata non solo in cucina, ma anche come ornamento e cosmetico. Inoltre è apprezzata per gli effetti benefici sulla salute
 
Continua a leggere sul sito di Insieme Contro il Cancro:



Tutti i prodotti che vantano in etichetta un’azione di protezione dagli insetti e dalle punture di insetti, quali ad esempio zanzare, tafani, pappataci, o un’azione mirata ad allontanare gli insetti o renderli innocui nei confronti dell’uomo, sono classificabili come prodotti repellenti e sono posti in commercio solo dopo aver ottenuto una specifica autorizzazione alla commercializzazione da parte del ministero della Salute.

Scarica la circolare completa dal sito del Ministero della Salute::






Medicinali, ecco l’App che sprona al fai da te. Pagliacci: “Banalizzazione completa del farmaco”


Si chiama “Trova la mia medicina” la nuova app che sfida farmacisti e medici spronando al fai da te. Nel suo database sono inseriti i medicinali equivalenti di oltre 10mila farmaci presenti in 16 Paesi stranieri, così da sapere da soli in caso di permanenza all’estero di che tipo di principio attivo si ha bisogno.
 
Continua a leggere sul sito di Federfarma:

Farmacista in Sert, case di cura e istituti di ricovero, ci prova la Puglia. Novielli: “Garanzia per il cittadino da professionista del farmaco”


Il farmacista non solo in farmacia ma anche negli Istituti di ricovero, nei Sert, nelle Case di cura private e in tutte le strutture pubbliche dove vengano utilizzati i medicinali. E’ la proposta di legge, presentata all’assemblea regionale pugliese, dal consigliere di Si/Leu Mino Borraccino, che ha come obiettivo quello di introdurre la figura del farmacista nelle strutture sanitarie pubbliche e private della Regione.
“Non possiamo che accogliere positivamente una notizia del genere - ha annunciato Vito Michele Domenico Novielli, Federfarma Puglia - in quanto va nella direzione di riconoscere alla nostra categoria il giusto merito. Cioè quello di essere professionisti del farmaco. In questo modo, si completerebbe il ciclo e tutela e garanzia del cittadino là dove esista il binomio farmaco-farmacista anche sul territorio.

Continua a leggere sul sito della Federfarma:

Tecentriq in associazione ad Avastin riceve da FDA la designazione di terapia breakthrough nel trattamento del carcinoma epatocellulare (HCC) avanzato o metastatico in prima linea


Roche (SIX: RO, ROG; OTCQX: RHHBY) ha annunciato in data 18 luglio 2018 che la Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha accordato la designazione di terapia breakthrough a Tecentriq® (atezolizumab) in associazione ad Avastin® (bevacizumab) come trattamento iniziale (di prima linea) per i soggetti affetti da carcinoma epatocellulare (HCC) avanzato o metastatico, la forma più comune di tumore al fegato. La designazione si basa sui dati tratti da uno studio di fase Ib volto a valutare la sicurezza e l’attività clinica dell’associazione Tecentriq e Avastin.
“Il carcinoma epatocellulare è un tumore maligno aggressivo per il quale esistono opzioni terapeutiche limitate e che costituisce una delle principali cause di morte per cancro al mondo”, ha dichiarato Sandra Horning, MD, Chief Medical Officer e Head of Global Product Development di Roche. “I dati preliminari relativi all’associazione Tecentriq e Avastin nel trattamento di questa malattia sono promettenti. Siamo impazienti di collaborare con le autorità sanitarie per mettere al più presto questo potenziale regime terapeutico a disposizione delle persone che soffrono di carcinoma epatocellulare”.

Continua a leggere sul sito della Roche:
Roma - Nel tumore del polmone la proteina hMENA può esistere in due varianti: una svolge un’azione anti-invasiva, l’altra al contrario favorisce la progressione del tumore. In questo secondo caso la chirurgia può non essere risolutiva e la cura richiede nuovi trattamenti per limitare la diffusione delle metastasi. I risultati di questo studio sono stati pubblicati sulla rivista Oncogene a firma di Francesca Di Modugno e del team di ricerca coordinato da Paola Nisticò della Unità di Immunologia dei Tumori e Immunoterapia dell’Istituto Regina Elena.
I ricercatori hanno individuato un meccanismo con cui due varianti di hMENA svolgono rispettivamente un’azione anti-invasiva e una invece pro-invasiva in cellule tumorali del polmone. La proteina hMENA regola l’espressione e l’attivazione di un particolare recettore, l’integrina β1 che, quando presente favorisce la formazione di metastasi in diversi tipi di tumore.

Continua a leggere sul sito di OMAR:

lunedì 30 luglio 2018







Il caldo tiene svegli 12 mln di italiani
 
Le temperature minime “tropicali” tengono svegli durante la notte circa dodici milioni di italiani che soffrono di insonnia accentuata dal caldo notturno. E quanto afferma la Coldiretti nel sottolineare che le condizioni per garantire un buon riposo dipendono molto anche dai comportamenti durante il giorno a partire da una alimentazione corretta. Cibi come pane, pasta e riso, ma anche lattuga, radicchio, cipolla, aglio e formaggi freschi, uova bollite, latte fresco o caldo e frutta dolce come albicocche, pesche e nettarine – sottolinea la Coldiretti – possono venire in soccorso per superare le notti di passione.
Sono invece gli alimenti conditi con molto pepe e sale, ma anche con curry, paprika in abbondanza ed anche salatini, minestre con dado da cucina – continua la Coldiretti – i veri nemici del riposo che le alte temperature rendono più difficile. Attenzione però anche a caffè e superalcolici che spesso accompagnano le serate in compagnia nei luoghi di vacanza.
Inoltre – continua la Coldiretti – ci si addormenta difficilmente a digiuno o comunque non sazi, ma anche nei casi di eccessi alimentari, in particolare con cibi pesanti o con sostanze eccitanti. L’attenzione all’alimentazione – conclude la Coldiretti – è particolarmente importante nei soggetti a rischio come i bambini, ma anche per gli anziani
 
Fonte sito della Coldiretti:

I bollettini del sistema di previsione e allarme delle ondate di calore (HHWWS), coordinato dal ministero della Salute, evidenziano condizioni di rischio per la salute, livelli 2-3, nella maggior parte delle città del Nord e del Centro con temperature in ulteriore aumento per il 31 luglio e il 1° agosto. Si tratta della prima vera ondata di calore di elevata intensità estesa a gran parte del Paese nel 2018, che si prolungherà per tutta la settimana, interessando anche le Regioni del Sud. 
Il Sistema Nazionale di previsione e allarme per ondate di calore è operativo dal 15 maggio al 15 settembre in 27 città italiane. Tramite il sito web www.salute.gov.it/caldo e l’App “Caldo e salute” (scaricabile gratuitamente su dispositivi mobili iOS e Android, da Apple store e Play store) sono resi fruibili i bollettini giornalieri delle previsioni e i livelli di rischio,  consigli per la popolazione, linee guida per gli operatori dei servizi sanitari e sociali e una mappa interattiva con i servizi e numeri utili attivi sul territorio. 
Al numero di pubblica utilità “1500” i cittadini potranno ricevere consigli su come affrontare il caldo e informazioni utili sui servizi socio-sanitari presenti sul territorio nazionale.

Continua a leggere sul sito del Ministero della Salute:






INTERCEPTOR: in AIFA la prima Riunione plenaria dei Centri partecipanti al Progetto

Si è svolta oggi presso l’Agenzia Italiana del Farmaco la prima Riunione Plenaria dei Centri partecipanti a “INTERCEPTOR”, un progetto di studio che ha l’obiettivo di  identificare il “marcatore” o l’“insieme di marcatori” in grado di predire con accuratezza la conversione della diagnosi di declino cognitivo lieve (Mild Cognitive Impairment, MCI) in malattia di Alzheimer, dopo 2 o 3 anni di follow-up, al fine di identificare precocemente quei pazienti che in modo appropriato potranno beneficiare di nuove terapie in corso di sperimentazione.
Alla riunione hanno partecipato i rappresentanti del Comitato Coordinatore, dei quattro Centri Esperti incaricati per una lettura esperta di alcuni biomarcatori e dei 20 Centri per i Disturbi Cognitivi e per la Demenza (CDCD) in cui verranno arruolati i pazienti.
Il Progetto, che ha come promotore l’Istituto di Neurologia della Fondazione Policlinico Universitario “A. Gemelli” - Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma, ha natura strategica ed è finanziato dall’AIFA mediante l’utilizzo dei fondi confluiti nella “Riserva straordinaria per l’attività istituzionale di AIFA”. 
Per ogni informazione sul Progetto è possibile contattare ricercaindipendente@aifa.gov.it







Melanoma: parere positivo del CHMP per encorafenib + binimetinib in pazienti adulti con melanoma avanzato con mutazione BRAF

Milano, 30 luglio 2018 – Pierre Fabre annuncia che il Comitato per i medicinali per uso umano (CHMP) dell’Agenzia Europea del Farmaco (EMA) ha emesso parere positivo raccomandando l’approvazione dell’associazione di encorafenib e binimetinib per il trattamento di pazienti adulti con melanoma inoperabile o metastatico con mutazione BRAFV600. Il parere si basa sui risultati dello studio di fase III COLUMBUS.1 La raccomandazione del CHMP sarà ora analizzata dalla Commissione Europea (EC), che ha l’autorità di approvare i medicinali nell’ambito dell’Unione Europea. La decisione sarà valida per i 28 Stati membri dell’Unione Europea, per Liechtenstein, Islanda e Norvegia.
“Siamo lieti di aver fatto un passo in avanti nel rendere disponibile l’associazione di encorafenib e binimetinib per i pazienti con melanoma avanzato con mutazione BRAF in Europa” ha affermato Frédéric Duchesne, Presidente e CEO della Divisione Farmaceutica di Pierre Fabre “Se la Commissione Europea approverà encorafenib e binimetinib, questa associazione rappresenterà una nuova opzione di trattamento per i pazienti che attualmente hanno una prognosi difficile”.
 
Continua a leggere sul sito di Insieme Contro il Cancro:

Parere positivo del CHMP per durvalumab nel carcinoma polmonare non a piccole cellule (NSCLC) localmente avanzato, non resecabile

Milano, 30 luglio 2018  – AstraZeneca e MedImmune, la sua divisione di ricerca e sviluppo biologico globale, hanno annunciato oggi che il Comitato per i Medicinali per Uso Umano (CHMP) dell’Agenzia Europea per i Medicinali ha espresso un parere positivo, raccomandando l’autorizzazione all’immissione in commercio di durvalumab per il trattamento del carcinoma polmonare non a piccole cellule localmente avanzato, non resecabile, negli adulti i cui tumori esprimano PD-L1 su ≥1% delle cellule tumorali e la cui malattia non sia progredita dopo chemioterapia e radioterapia a base di platino (CRT). La raccomandazione si basa sugli endpoint primari di sopravvivenza libera da progressione (PFS) e sopravvivenza globale (OS) dello studio di Fase III PACIFIC e sull’analisi post-hoc, richiesta dal CHMP, sui sottogruppi identificati in base ai livelli di espressione di PD-L1.
Il Professor Giorgio Scagliotti, Direttore del Dipartimento di Oncologia Medica dell’Università di Torino e Presidente dell’International Association for the Study of Lung Cancer (IASLC) ha dichiarato: “Durvalumab è il primo farmaco immunoterapico a documentare un beneficio in sopravvivenza clinicamente significativo nell’ambito del tumore polmonare localmente avanzato non metastatico. Pertanto, il parere positivo del CHMP è un’ottima opportunità terapeutica per questa popolazione di pazienti potenzialmente guaribili per i quali, da 15 anni a questa parte, nessun altro approccio terapeutico si era dimostrato in grado di migliorare i risultati clinici ottenibili con la combinazione chemio-radioterapia standard.”
 
Continua a leggere sul sito di Insieme Contro il Cancro:



Dottore, ma è vero che… Abbronzarsi fa sempre bene?

La pelle è la nostra prima difesa verso l’ambiente esterno e anche l’organo più esposto ai fattori ambientali. I raggi ultravioletti (UV) del sole possono danneggiare la pelle in soli 15 minuti e, per questo, è importante prendere le giuste precauzioni. Infatti, per sviluppare la vitamina D – benefica per ossa, muscoli e sistema immunitario – basta esporsi al sole per pochi minuti al giorno. Inoltre, come si legge sul sito del Ministero della Salute, nonostante la pelle abbronzata possa sembrare più sana bisogna sapere che l’abbronzatura è un meccanismo di difesa della pelle per difenderci dai danni dei raggi UV. Questo meccanismo di difesa attiva i melanociti, cellule specializzate nella produzione della melanina, che rende la pelle più resistente ai danni immediati, come le scottature solari e la riattivazione dell’herpes labiale, e a quelli ritardati nel tempo associati all’esposizione cumulativa ai raggi UV, come per esempio il precoce foto-invecchiamento, la cheratosi (che è un ispessimento della pelle), la cataratta e la cancerogenesi [1].
Le tipologie di tumore, identificate dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), legate all’esposizione a radiazioni ultraviolette sono: il melanoma cutaneo, tumore maligno dei melanociti; il carcinoma squamoso della pelle, tumore maligno che, rispetto al melanoma, ha un’evoluzione più lenta ed è associato a minore mortalità; Il carcinoma basocellulare, tumore cutaneo che si sviluppa principalmente in età avanzata; il carcinoma squamoso della cornea o della congiuntiva, raro tumore oculare. Ci sono sufficienti prove scientifiche per affermare la cancerogenicità per gli esseri umani della radiazione solare: secondo l’Oms, ogni anno muoiono nel mondo circa 60 mila persone per la sovraesposizione a raggi UV, di cui 48 mila per melanoma e 12 mila per carcinomi della pelle [2].

Continua a leggere sul sito della FNOMCeO:






I consigli di Aifa per utilizzare i farmaci in sicurezza nella stagione calda

Sei pillole video da condividere sui social e un opuscolo da scaricare, stampare e conservare per ricordare a tutti i pazienti, in particolare a quelli che si accingono a partire per le ferie, che in estate è necessario dedicare ancora maggiore attenzione alla conservazione, al trasporto e all'utilizzo dei farmaci. Il sole e le alte temperature mettono a rischio la conservazione dei medicinali; per non ridurne l'efficacia, la qualità e la sicurezza basta seguire pochi semplici ma utili accorgimenti.
E' il cuore della campagna dell'Agenzia del Farmaco per l'uso corretto dei farmaci in estate: le pillole video che Aifa diffonderà attraverso i propri canali social e che possono essere anche scaricate dal sito dell'Agenzia, riproducono i messaggi chiave della campagna.
 
Continua a leggere sul sito della Federfarma:






I Carabinieri del NAS di Cagliari, nel corso di indagini e accertamenti condotti nel settore sanitario, hanno scoperto che due medici, rispettivamente responsabile e direttore sanitario del centro di diabetologia di una struttura privata di Oristano, in assenza di specifica autorizzazione e anzi nonostante l’espresso diniego dell’assessorato Igiene e Sanità della Regione Autonoma della Sardegna, avevano predisposto e somministrato in circa un anno a 714 pazienti, oltre 1500 piani terapeutici.
I due sanitari sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria per somministrazione di medicinali in modo pericoloso per la salute pubblica.

Fonte sito del NAS:

Commissione nazionale Formazione continua: online sul sito Agenas video e guide sul Dossier formativo ECM

30/07/2018 -  Si tratta di uno strumento che consente al singolo professionista di creare un’agenda formativa personalizzata in base al proprio fabbisogno, nonché di essere parte di un percorso di gruppo che aiuti la crescita professionale in una logica di lavoro di squadra, coniugando bisogni professionali dell’individuo, esigenze del gruppo e necessità dell’organizzazione

Continua a leggere sul sito della FNOPI:







La demenza fronto-temporale è una malattia che colpisce principalmente la parte frontale e laterale del cervello e causa anormalità del comportamento, della personalità, del linguaggio e del movimento.
Con il termine demenza si indicano un insieme di malattie che portano a una perdita progressiva delle capacità mentali. Sono causate da danni alle cellule nervose (neuroni) che ostacolano sempre più gravemente le normali funzioni del cervello.
A differenza delle altre demenze, che affliggono generalmente persone di oltre 65 anni di età, la demenza fronto-temporale tende a manifestarsi in persone più giovani. La maggior parte dei casi accertati (diagnosticati) riguarda persone tra i 45 ed i 65 anni di età, sebbene possa manifestarsi anche in persone più giovani o più anziane.
Come altri tipi di demenza, la demenza fronto-temporale tende a progredire e a diventare più grave con il passare del tempo
 
Continua a leggere sul sito di ISSalute:

Inquinamento: automobilisti asiatici 9 volte più esposti rispetto agli europei

E’ la causa dell’88% delle morti premature in Paesi a medio-basso reddito

Roma, 30 luglio 2018 - Guidare in Asia è più pericoloso per la salute rispetto all’Europa. Gli automobilisti di Pechino e Nuova Dehli sono 9 volte più esposti all’inquinamento atmosferico rispetto a quelli di Parigi e Berlino. E’ quanto sostiene una revisione di studi pubblicata sulla rivista Atmospheric Environment. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) l’88% delle morti premature nei paesi a medio e basso reddito in Asia è dovuto a inquinamento e il motivo è facile da comprendere: il numero di veicoli stradali a Pechino è passato da 1,5 milioni nel 2000 a più di 5 milioni nel 2014 e il numero a Delhi, in India, si prevede un aumento da 4,7 milioni nel 2010 a oltre 25 milioni nel 2030
 
Continua a leggere sul sito della SIR:






I Carabinieri del NAS di Milano, nell’ambito di un piano nazionale di controllo sull’e-commerce disposto dal Comando Carabinieri per la Tutela della Salute per verificare la regolarità della vendita on-line di prodotti di varie tipologie merceologiche, hanno proceduto al monitoraggio di piattaforme di commercio di e-commerce, verificando la correttezza dell’attività di vendita a distanza di oltre 100 siti web dediti al commercio di prodotti farmaceutici e rilevando numerose violazioni della normativa che regola lo specifico settore.
I controlli dei Carabinieri hanno riscontrato pubblicità e vendita non consentita di farmaci convenzionali ed omeopatici da parte di 39 farmacie e parafarmacie presenti sul territorio nazionale che li proponevano in offerta al di fuori dei corretti canali riconducibili ai siti ufficiali delle farmacie.

Continua a leggere sul sito del NAS:
Secondo un gruppo di esperti americani, i neonati diagnosticati attraverso lo screening neonatale dovranno essere trattati diversamente a seconda del loro numero di copie del gene SMN2
Elk Grove Village (U.S.A.) – Prevedere la gravità della SMA è possibile: basta sapere quante copie del gene SMN2 ha il paziente. Nonostante ciò fosse noto da anni alla comunità scientifica, nessuno finora aveva sviluppato un algoritmo di trattamento per utilizzare al meglio queste preziose informazioni. L'ha fatto un gruppo di ricercatori statunitensi, il cui lavoro è stato pubblicato sul Journal of Neuromuscular Diseases.
L'atrofia muscolare spinale è una malattia autosomica recessiva caratterizzata dalla degenerazione dei motoneuroni alfa nel midollo spinale, che porta a debolezza muscolare progressiva. La causa della SMA è una delezione o una mutazione nel gene di sopravvivenza del motoneurone 1 (SMN1). Nell'uomo è presente una copia quasi identica di questo gene, chiamato SMN2: poiché quest'ultimo ha dimostrato di ridurre la gravità della malattia in maniera dose-dipendente, il numero di copie del gene SMN2 è predittivo della gravità della malattia.
 
Continua a leggere sul sito di OMAR:






Vendita on line di medicinali, 50 farmacie sanzionate dai Nas. Cossolo: “In Italia i controlli funzionano”


I Carabinieri del Nas di Milano, nell'ambito di un piano nazionale di controllo sull'e-commerce, disposto dal Comando per la tutela della salute, per verificare la regolarità della vendita on-line di prodotti di varie tipologie merceologiche, hanno proceduto al monitoraggio di piattaforme di e-commerce, verificando la correttezza dell'attività di vendita a distanza di oltre 100 siti web dediti al commercio di prodotti farmaceutici, ma hanno rilevato numerose violazioni della normativa che regola lo specifico settore. Cinquanta farmacie sono state sanzionate. Oltre 200mila euro di multe
 
Continua a leggere sul sito della Federfarma:





Attenzione alle zecche: campagna Ausl per prevenire punture e conseguenze

I consigli utili per tenere lontano il pericolo e gestire l'eventuale contatto: cosa si deve fare e quando è meglio consultare il proprio medico.
Il periodo estivo è da sempre sinonimo di relax, passeggiate ed escursioni nella natura, ammirando paesaggi meravigliosi come quelli di cui è ricca la nostra provincia. Ambienti suggestivi, ma non privi di rischi, come si è potuto constatare nelle ultime settimane, in cui si sono registrate numerose segnalazioni per punture di zecche. La proliferazione delle zecche nelle aree di collina e di montagna è causata dalla massiccia presenza di animali come caprioli, daini e cinghiali. Per informare adeguatamente i cittadini riguardo alla pericolosità di questi parassiti, che possono trasmettere gravi malattie all'uomo (tra cui la Malattia di Lyme), e ai comportamenti da adottare per prevenire il contatto o in caso di puntura, l'Azienda USL di Modena ha predisposto una campagna di prevenzione, realizzata dagli esperti del Servizio Veterinario del Dipartimento di Salute Pubblica
 
Continua a leggere sul sito della Regione Emilia Romagna:


Milano – MolMed S.p.A., azienda biotecnologica focalizzata su ricerca, sviluppo, produzione e validazione clinica di terapie geniche e cellulari per la cura di cancro e malattie rare, ha annunciato di aver sottoscritto un accordo triennale con GSK, società farmaceutica globale basata sulla ricerca, per lo sviluppo e la produzione di vettori lentivirali finalizzati ad applicazioni cliniche nell’ambito dei progetti di GSK in ambito oncologico.

Continua a leggere sul sito di OMAR: