StatCounter

martedì 12 giugno 2018







Medicina di precisione, nanotecnologie, robotica. Disegnate a Bari le nuove sfide della farmacia


Si è parlato della nuova frontiera della professione farmaceutica e di come gestire il cambiamento, nel corso dell'Assemblea dell'Ordine interprovinciale dei Farmacisti di Bari e Bat che si è tenuta domenica a Bari.  “Abbiamo affrontato diverse questioni cruciali per la categoria -  sottolinea il presidente dell'Ordine, Luigi d'Ambrosio Lettieri - che vanno da quella occupazionale a quella che riguarda la fragilità strutturale ed economica della farmacia”. D’Ambrosio Lettieri precisa, poi,
come robotica, intelligenza artificiale, nanotecnologie, ingegneria genetica, farmacogenomica, medicina di precisione, siano le vere sfide della farmacia del futuro che deve considerarsi come terminale intelligente e
pro-attivo della sanità: “Diventa strategica l’applicazione delle
conoscenze erogate e garantite, più che la vendita stessa del prodotto”.
"I farmacisti hanno mostrato grande consapevolezza - sottolinea il presidente Lettieri - nel sostenere e dare attuazione alla finalità della legge che nel 2009 ha istituito la Farmacia dei Servizi: individuare, a beneficio della comunità, nuove modalità per saldare il ruolo insostituibile della farmacia nella erogazione di servizi ad alta specificità professionale socio-sanitaria agli obiettivi di salute pubblica del Ssn". Secondo l’ex Senatore, infatti, “Non vi è dubbio che nel prossimo decennio, la farmacia assumerà un ruolo molto più prominente nella prevenzione delle malattie, nella sanità pubblica e nella gestione delle patologie croniche. In questo quadro - ha aggiunto - la farmacia, sia per le professionalità che esprime, che per la capillare distribuzione sul territorio, deve rappresentare la prima interfaccia del cittadino con il Ssn”. Ma la rete delle farmacie può costituire anche uno strumento ulteriore per il governo della spesa nonché per le attività di affiancamento ai servizi territoriali del Ssn.
Al dibattito hanno partecipato: Franco Falorni, docente del Dipartimento di Farmacia dell’Università di Pisa e dirigente dello Studio Falorni di Ospedaletto (Pisa), i sindaci di Castellana Grotte, Francesco De Ruvo e di Terlizzi, Ninni Gemmato, oltre al parlamentare Marcello Gemmato, tutti farmacisti. Numerosi e qualificati gli interventi: tra gli altri, i presidenti di Federfarma Bari e Bat, Vito Novielli e Michele Pellegrini Calace.